Notizie e Circolari utili alla Professione

Seleziona un articolo da leggere

E' stato predisposto, dal Ministero della Salute, il Piano di sorveglianza nazionale per l'anno 2019, da portare a termine entro il 31 dicembre 2019.

Il Ministero, allo scopo di limitare i costi, raccomanda di attenersi scupolosamente alle prove diagnostiche indicate nel Piano stesso, soprattutto al momento dello screening iniziale per la ricerca di anticorpi per influenza A, tramite test ELISA competitiva; solo i campioni risultati positivi saranno sotttoposti, in un secondio momento, aala prova di inibizione dell'emoagglutinazione.

Fnovi, in vista dell'obbligatorietà della fatturazione elettronica, anche tra privati, ha definito una convenzione con Aruba s.p.a. che consentirà di ususfruire del servizio al prezzo di €19,90+ IVA annui.

Nei prossimi giorni Aruba nei prossimi giorni attiverà una pagina dedicata alla convenzione in cui inserire il codice e ususfruire della scontistica.

 

 CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

A seguito della pubblicazione a cura della Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del Manuale operativo che, in attuazione del decreto ministeriale del 7 dicembre 2017, definisce le specifiche tecniche e funzionali per l'inserimento dei dati nel sistema di epidemiosorveglianza da parte del veterinario aziendale, erano state espresse alcune perplessità per un passaggio del testo con il quale si esplicitavano i requisiti professionali valevoli ai fini dell'assunzione del ruolo di Veterinario Aziendale.

In particolare alcuni passaggi del punto "5. Veterinario aziendale", erano stati considerati potenzialmente idonei ad annullare gli sforzi fatti da tutti gli stakeholder intervenuti nel complesso lavoro preparatorio tesi ad escludere sovrapposizioni, ingerenze, conflitti e incompatibilità di incarico.

Era stato osservato che il Veterinario Aziendale è indicato dal Decreto ministeriale come un libero professionista liberamente designato dall'OSA, senza mediazioni, in particolare riferite al ruolo delle Associazioni degli allevatori. 

Non si è fatta attendere la risposta della competente Direzione ministeriale la quale ha invitato a contestualizzare le previsioni espresse nel Manuale ed ha precisato che "l'unico soggetto che può inserire informazioni e dati nel sistema di epidemiosorveglianza è il Veterinario aziendale designato da un operatore. L'intero sistema è stato costruito e ha puntato sulla professionalità e sul comportamento deontologicamente corretto di questo professionista anche ai fini di una categorizzazione del rischio degli allevamenti che deve essere indipendente e oggettiva".

Per quindi aggiungere: "Il veterinario aziendale è scelto sulla base di una rapporto fiduciario dall'allevatore ed agisce nell'interesse di quest'ultimo. Il rapporto tra veterinario ed allevatore è formalizzato attraverso la sottoscrizione da parte di entrambi dello schema di designazione di cui all'allegato 3 al DM 7 dicembre 2017. Ciò a garanzia che il Veterinario aziendale risponda ed agisca nell'interesse esclusivo dell'Operatore e dell'allevamento", nonché ribadire che: "non esiste un veterinario aziendale dell'Associazione .....  esiste solo il VA di un operatore".

La nota ministeriale ha chiarito che quanto indicato nel manuale ha il valore di un "chiarimento fornito nell'ambito del tema del conflitto di interessi con il
quale a titolo esemplificativo si sono individuate quali circostanze dovrebbero essere gestite di per sé come cause di esclusione immediata dall'inserimento nell'elenco dei veterinari aziendali e quali no".

La FNOVI, alla quale l'art. 3, comma 3 del DM 7 dicembre 2017 affida la tenuta dell'Elenco dei medici veterinari che possono essere l'interfaccia responsabile del flusso di dati tra l'operatore e l'Autorità territorialmente competente, ha accolto con piacere la disponibilità espressa ad un confronto per il superamento del delicato problema del 'conflitto d'interessi'. Con la premessa che l'iscrizione all'Elenco Pubblico Nazionale dei Veterinari Aziendali tenuto dalla FNOVI costituisce, ai sensi e per gli effetti della normativa descritta, condizione necessaria ed indispensabile per l'esercizio delle funzioni di veterinario aziendale su tutto il territorio nazionale, la Federazione è infatti impegnata nell'elaborazione di una procedura per i i medici veterinari che vorranno veder inserito il proprio nominativo nell'unico Elenco Pubblico Nazionale dei Veterinari Aziendale. 

Fonte Fnovi

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

 

Come anticipato nei giorni scorsi, la FNOVI ha attivato, con il gestore ARUBA, una convenzione per il servizio di fatturazione elettronica.

Gli iscritti che intendono aderire potranno, al costo di € 19,99 + IVA , acquistare il servizio di fatturazione elettronica (dalla creazione fino alla conservazione sostitutiva delle fatture ricevute ed emesse).

Per accedere alla convenzione è necessario collegarsi all’indirizzo del portale Aruba appositamente dedicato alle convenzioni per gli Ordini professionali (https://manage.pec.it/Convenzioni.aspx) digitando il Codice Convenzione FNOVIFE19.

Maggiori informazioni sono comunque visionabili direttamente al seguente indirizzo internet: https://www.pec.it/acquista-fatturazione-elettronica.aspx

In allegato è possibile accedere alla nota in merito inviata dalla Federazione stessa.

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

 

Per l’anno 2019, non rientrano altresì nell’obbligo della fatturazione elettronica i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria; è bene evidenziare che, a differenza dei casi sopra elencati, per questa fattispecie non vige un esonero bensì un vero e proprio divieto. Al riguardo, in un primo momento, l’articolo 10-bis D.L. 119/2018 aveva stabilito che “Per il periodo d’imposta 2019, i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria … sono esonerati dall’obbligo della fatturazione elettronica …, con riferimento alle fatture i cui dati sono inviati al Sistema tessera sanitaria”.

 

La Legge di Bilancio ha apportato profonde novità in materia di pubblicità sanitaria:

saranno vietati messaggi aventi carattere promozionale o suggestionale nelle informative sanitarie, con potere disciplinare assegnato agli Ordini Provinciali, nei casi in cui i sanitari che diffondano pubblicità non deontolicamente orientate. Al procedimento seguirà la segnalazione all'AGCOM, per l'eventuale sanzione nei confronti delle eventuali società commitenti.

Infine viene fatto obbligo, per i Direttori sanitari, di iscrizione presso l'Ordine territoriale in cui si trova la struttura da loror diretta.

 

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

Gentili Iscritti, è da oggi possibile generare tramite questo sito il MAV per il pagamento delle quote ordinistiche per l'anno in corso.

In ogni caso, i MAV sarnno regolarmente recapitati, presso gli indirizzi forniti all'Ordine, nei prossimi giorni, con scadenza 30 luglio 2018.

Riceviamo e pubblichiamo, da parte della Fondazione ONAOSI, nota in merito alla possibilità, per i Sanitari iscritti alla contribuzione obbligatoria,  in qualità di dipendenti pubblici, di ripristinare, senza ulteriori oneri, le quote mancanti per gli anni 2013-2014-2015-2016-2017.

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

La Federazione ha inviato in data odierna una nota di precisazione, con particolare riferimento alla prescrizione tramite REV di farmaci c.d. "stupefacenti" che riceviamo ed alleghiamo.

 

 CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

Dal 10 dicembre 2018 sarà possibile effettuare la registrazione in BDN delle aziende dei lagomorfi dei allevamento che, si rammenta, dovrà avvenire entro il primo semestre del 2019.

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI