Notizie e Circolari utili alla Professione

Seleziona un articolo da leggere

Cliccare sul titolo per aprire l'allegato.

 

Da ieri, 16 aprile 2019, a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto attuativo della legge 167/2017,  è entrato in vigore l'obbligo di prescizione mediante ricetta elettronica.


COME FUNZIONA -  La ricetta veterinaria elettronica è identificata da un Numero Ricetta e da un PIN di 4 cifre generato dal sistema al momento dell’emissione da parte del medico veterinario.
Prescrizione e Consultazione - Attraverso il portale www.vetinfo.sanita.it e sul sito www.ricettaelettronicaveterinaria.it i medici veterinari, i farmacisti, i grossisti, i mangimifici, gli allevatori e i proprietari di animali possono richiedere le credenziali, registrarsi ed operare in base alle caratteristiche e i compiti del proprio profilo.
Per emettere la ricetta, i medici veterinari possono anche utilizzare una App scaricabile dagli app store:
 Apple store per possessore di IOS
 Google store per possessori di Android
Acquisto dei farmaci prescritti -  I cittadini possono rivolgersi al farmacista fornendo il numero della ricetta e il PIN o, più semplicemente, il proprio codice fiscale e il PIN. Se si è un allevatore, in alternativa, potrà fornire il codice azienda e il PIN. Il farmacista sarà in grado in questo modo di acquisire la prescrizione digitale e di consegnare il medicinale al cliente.
Una semplificazione notevole anche per le persone anziane, non sempre in grado di rapportarsi con le nuove tecnologie.
Per consultare e scaricare le ricette, tutti i cittadini possono accedere alla App Mobile “cerca ricetta” dal sito www.ricettaveterinariaelettronica.it
Il proprietario o detentore di un animale da affezione (PET) può consultare e scaricare le proprie ricette veterinarie elettroniche, senza preventiva registrazione, attraverso App Mobile “cerca ricetta” dal sito www.ricettaveterinariaelettronica.it mediante il Numero Ricetta e il PIN, oppure, più semplicemente, tramite il proprio Codice Fiscale e il PIN a 4 cifre. Per l'utilizzo di tale funzionalità non è necessaria una preventiva registrazione.
Anche il proprietario o detentore degli animali da reddito (DPA) può consultare e scaricare le proprie ricette veterinarie elettroniche del proprio allevamento, senza preventiva registrazione, attraverso App Mobile “cerca ricetta” dal sito www.ricettaveterinariaelettronica.it mediante il Numero Ricetta e il PIN, oppure tramite il codice dell'azienda zootecnica (codice identificativo dell’unità epidemiologica).
Il proprietario o detentore degli animali da reddito (DPA), inoltre, può richiedere le credenziali per l'accesso al Sistema Informativo Nazionale della Farmacosorveglianza (VETINFO). In questo modo potrà avere pieno accesso ai servizi messi a disposizione dal sistema per:
 - consultazione delle proprie ricette veterinarie elettroniche e delle scorte autorizzate presso l'allevamento
 - consultazione e l’utilizzo dei protocolli terapeutici
 - registrazione dei trattamenti e la consultazione del Registro dei Trattamenti
 - gestione di dati e anagrafiche di supporto

Si Ricorda a Tutti i veterinari che per procedere alla prescizione è necessario attivare un proprio account sul sito dedicato a questo indirizzo: account.

Nella stessa pagina è possibile scaricare il manuale operativo messo a disposizione dallo stesso ministero: manuale

Sono state pubblicate nel portale della Federazione Nazionale (sezione "Chi Siamo") le linne di indirizzo realitve agli aspetti strutturali, organizzativi procedurali e di personale per la prestazione di adeguate prestazioni mediche agli animali d'affezione incoerenza con il codice deontologico e il codice europeo.

Le linee di indirizzo rappresentano procedure di comportamento che consentono di qualificare la prestazione medica e chirurgica come corretta diligente e prudente, riducendo i rischi per il paziente, tutelando la salute dell'animale.

Restano, comunque, le previsioni dell'Accordo Stato Regioni, con i vari recepimenti.

Il documento esamina sia i principi generali che gli aspetti di operatività quotidiana, tenuto conto della tipologia della singola struttura veterinaria, ponendosi come strumento di riferimento della professione e di comunicazione al pubblico.

Presso l'Università di Camerino è indetto un avviso di Bando di selezione per l'attribuzione n. 2 borse di studio per la collaborazione alle attività assistenziali svolte presso l'Ospedale universitario veterinario.

La borsa avrà la durata di 10,5 mesi ed è compatibile con lo svolgimento del rotating interniship program. All'interno delle attività previste nel programma di internship, per un periodo complessivo di mesi 12 (la differenza di 1,5 mesi potrà essere completata mediante rinnovo della borsa o anche a titolo di volontariato) sarà rilasciato il certificato di Rotating Intership. Tale esperienza certificata, a discrezione del residency director, potrà essere ritenuta utile quale elemento di valutazione per l'accesso a un residency program di College europei o americani, nelle specifiche discipline.

Le domande dovrannpoe ssere presentate entro il giorno 11 marzo 2019.

ENPAV ha approvato il Bando 2019 per la concessione dei sussidi alla genitorialità per il quale i fondi stanziati ammontano a € 230.000,00.

Le domande devono essere presentate necessariamente accedendo all'area riservata di Enpav Online “Accesso Iscritti”, attraverso la sezione: Invio Domande – Prestazioni – Sussidio alla genitorialità, seguendo la procedura guidata.

Il buon fine dell’inoltro è documentato esclusivamente attraverso il rilascio di una ricevuta in formato PDF al termine della procedura, in assenza della quale non è garantita l’acquisizione dell’istanza e la conseguente istruttoria.

I termini entro cui presentare le domande sono il 30 aprile e il 31 ottobre 2019.

Alleghiamo il Bando.

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

la Federzione Nazionale, allo scopo di porre tutti gli iscritti in condizione di poter prescrivere farmaci mediante REV, intende inviare a tutti i medici veterinari, che ancora non risultino acrreditati, le credenziali di accesso al sistema agli indirizzi PEC riportati nell'Albo Unico.

Vi rammentiamo che l'Albo Unico può essere aggiornato unicamente dai Consigli dell'Ordine.

Per questa ragione siamo a sollecitare quanti ancora non abbiano provveduto a comunicare/attivare un indirizzo PEC a provvedere al più presto, ricordando che l'attivazione dell'account è un obbligo di Legge previsto dall'art. 16 comma 7 del D.L. 29 novembre 2008 n. 185.

Sul sito FNOVI è disponibile la tabella degli acaridi consentiti in Italia, per il controllo della varroatosi delle api, aggiornato al 21 gennaio 2019.

E' stato predisposto, dal Ministero della Salute, il Piano di sorveglianza nazionale per l'anno 2019, da portare a termine entro il 31 dicembre 2019.

Il Ministero, allo scopo di limitare i costi, raccomanda di attenersi scupolosamente alle prove diagnostiche indicate nel Piano stesso, soprattutto al momento dello screening iniziale per la ricerca di anticorpi per influenza A, tramite test ELISA competitiva; solo i campioni risultati positivi saranno sotttoposti, in un secondio momento, aala prova di inibizione dell'emoagglutinazione.

Fnovi, in vista dell'obbligatorietà della fatturazione elettronica, anche tra privati, ha definito una convenzione con Aruba s.p.a. che consentirà di ususfruire del servizio al prezzo di €19,90+ IVA annui.

Nei prossimi giorni Aruba nei prossimi giorni attiverà una pagina dedicata alla convenzione in cui inserire il codice e ususfruire della scontistica.

 

 CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

A seguito della pubblicazione a cura della Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del Manuale operativo che, in attuazione del decreto ministeriale del 7 dicembre 2017, definisce le specifiche tecniche e funzionali per l'inserimento dei dati nel sistema di epidemiosorveglianza da parte del veterinario aziendale, erano state espresse alcune perplessità per un passaggio del testo con il quale si esplicitavano i requisiti professionali valevoli ai fini dell'assunzione del ruolo di Veterinario Aziendale.

In particolare alcuni passaggi del punto "5. Veterinario aziendale", erano stati considerati potenzialmente idonei ad annullare gli sforzi fatti da tutti gli stakeholder intervenuti nel complesso lavoro preparatorio tesi ad escludere sovrapposizioni, ingerenze, conflitti e incompatibilità di incarico.

Era stato osservato che il Veterinario Aziendale è indicato dal Decreto ministeriale come un libero professionista liberamente designato dall'OSA, senza mediazioni, in particolare riferite al ruolo delle Associazioni degli allevatori. 

Non si è fatta attendere la risposta della competente Direzione ministeriale la quale ha invitato a contestualizzare le previsioni espresse nel Manuale ed ha precisato che "l'unico soggetto che può inserire informazioni e dati nel sistema di epidemiosorveglianza è il Veterinario aziendale designato da un operatore. L'intero sistema è stato costruito e ha puntato sulla professionalità e sul comportamento deontologicamente corretto di questo professionista anche ai fini di una categorizzazione del rischio degli allevamenti che deve essere indipendente e oggettiva".

Per quindi aggiungere: "Il veterinario aziendale è scelto sulla base di una rapporto fiduciario dall'allevatore ed agisce nell'interesse di quest'ultimo. Il rapporto tra veterinario ed allevatore è formalizzato attraverso la sottoscrizione da parte di entrambi dello schema di designazione di cui all'allegato 3 al DM 7 dicembre 2017. Ciò a garanzia che il Veterinario aziendale risponda ed agisca nell'interesse esclusivo dell'Operatore e dell'allevamento", nonché ribadire che: "non esiste un veterinario aziendale dell'Associazione .....  esiste solo il VA di un operatore".

La nota ministeriale ha chiarito che quanto indicato nel manuale ha il valore di un "chiarimento fornito nell'ambito del tema del conflitto di interessi con il
quale a titolo esemplificativo si sono individuate quali circostanze dovrebbero essere gestite di per sé come cause di esclusione immediata dall'inserimento nell'elenco dei veterinari aziendali e quali no".

La FNOVI, alla quale l'art. 3, comma 3 del DM 7 dicembre 2017 affida la tenuta dell'Elenco dei medici veterinari che possono essere l'interfaccia responsabile del flusso di dati tra l'operatore e l'Autorità territorialmente competente, ha accolto con piacere la disponibilità espressa ad un confronto per il superamento del delicato problema del 'conflitto d'interessi'. Con la premessa che l'iscrizione all'Elenco Pubblico Nazionale dei Veterinari Aziendali tenuto dalla FNOVI costituisce, ai sensi e per gli effetti della normativa descritta, condizione necessaria ed indispensabile per l'esercizio delle funzioni di veterinario aziendale su tutto il territorio nazionale, la Federazione è infatti impegnata nell'elaborazione di una procedura per i i medici veterinari che vorranno veder inserito il proprio nominativo nell'unico Elenco Pubblico Nazionale dei Veterinari Aziendale. 

Fonte Fnovi

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI

 

Come anticipato nei giorni scorsi, la FNOVI ha attivato, con il gestore ARUBA, una convenzione per il servizio di fatturazione elettronica.

Gli iscritti che intendono aderire potranno, al costo di € 19,99 + IVA , acquistare il servizio di fatturazione elettronica (dalla creazione fino alla conservazione sostitutiva delle fatture ricevute ed emesse).

Per accedere alla convenzione è necessario collegarsi all’indirizzo del portale Aruba appositamente dedicato alle convenzioni per gli Ordini professionali (https://manage.pec.it/Convenzioni.aspx) digitando il Codice Convenzione FNOVIFE19.

Maggiori informazioni sono comunque visionabili direttamente al seguente indirizzo internet: https://www.pec.it/acquista-fatturazione-elettronica.aspx

In allegato è possibile accedere alla nota in merito inviata dalla Federazione stessa.

CLICCARE SEMPRE SUL TITOLO DEGLI ARTICOLI PER VISUALIZZARE I FILES ALLEGATI