Notizie e Circolari utili alla Professione

Seleziona un articolo da leggere

Entro metà 2021, a Ravenna, nascerà l'Ospedale Veterinario La Casa di Nora, una struttura polispecialistica e polifunzionale di circa 2.000 mq., che ricomprenderà oltre ambulatori in tutte le specializzazioni veterinarie, 3 sale operatorie, reparto diagnostica altamente specializzato, reparto riabilitazione, dialisi, laboratorio analisi avanzato, reparto degenza senza gabbie pensato per il benessere dell'animale, reparto infettivi, istituto di medicina legale e Pronto Soccorso h. 24, oltre ad una sala convegni e negozio specializzato in mangimi per animali con patologie.
Stiamo formando il nostro staff e pertanto cercando medici veterinari specializzati nelle diverse discipline veterinarie (da quelle classiche a quelle più recenti) con esperienza, che siano interessati a collaborare con noi, oltre che biologi o lauree attinenti, per il laboratorio analisi. Per maggiori info www.lacasadinora.com
Chi fosse interessato, può contattarci, per qualsiasi informazione, al cell. 333-1004548 o email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ringraziando per l'attenzione, invio i più cordiali saluti.
Tatiana Errani

 

La signora Maria de Novellis segnala il furto del suo cane di razza maltese di 7 anni di nome Asso

il numero di   microchip n. 900062000152162 Regione Basilicata.

In caso di ritrovamento conttare il proprietario al numero 388 4806420

 

Il Neoistituito Gruppo di lavoro per la gestione e il controllo dei Lyssavirus, presso il Ministero della Sanità ha ritenuto di emanare alcune indicazioni in merito alle misure di massima cautela che devono essere adottate per coloro che a qualsiasi titolo possono entrare in contatto con i chirotteri, sino a quando non venga chiarito il ruolo epidemiologico del pipistrello e la possibilità di passaggio del virus ad altro mammifero.

Detta nota, allegata, ribadisce il ruolo fondamentale del Medico Veterinario, in questa fase,  in quanto interlocutore privilegiato dei proprietari di animali domestici e, soprattutto, per una tempestiva eventuale segnalazione al Servizio Veterinario della ASL di ogni sintomatologia riiferibile alla deginizione di caso sospetto.

Allegati:
Scarica questo file (nota ministero.pdf)nota ministero.pdf[ ]136 kB2020-07-08 12:09

Sul sito dell'Agenzia dell'Entrate è possibile reperire una guida fiscale con le indicazione specifica delle nuove scadenze per il pagamento dei corrispettivi telematici.

"La decorrenza dell'obbligo di trasmissione dei dati per la dichiarazione precompilata al Sistema Tessera Sanitaria mediante la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi, riguardante gli esercenti che effettuano cessioni di medicinali e presidi medici o prestazioni sanitarie, inizialmente prevista per il primo luglio 2020 viene posticipata al primo gennaio 2

E' stato varato il Decreto che stabilisce le modalità per la concessione del contributo per il mese di aprile per il sostegno al reddito dei Professionisti iscritti alle Casse di Previdenza.

In sintesi si delineano due possibili tipologie di benefiaciari::

1) Chi ha ricevuto i 600 Euro nel mese di marzo, che non deve presentare una nuova domanda; il versamento per il mese di aprile avviene in automatico.

2) Tutti gli altri, a partire dalle ore 14 dell’8 giugno e fino all’8 luglio, dovranno fare domanda all’Enpav accedendo all’Area Iscritti, nella sezione Domande online – Invio – Indennità 600 Euro.

le condizioni per l'accesso sono:

  • essere liberi professionisti, non titolari di contratto a tempo indeterminato;
  • non essere titolari di pensione diretta;
  • avere dischiarato reddito professionale nell'anno 2018 fino a 35.000 euro;
  • avere dischiarato nel 2018 un reddito compreso tra i 35.000 e i 50.000se si è registrata una contrazione del reddito del 33% nel primo trimestre 2020, rispetto al primo trimestre 2019;
  • avere dichiarato nel 2018 un reddito professionale superiore ai 50.000 euro e aver chiuso la partita IVA tra il 23 febbraio ed il 30 aprile 2020;
  • non aver percepito alcuna altra prestazione INPS a sostegno del reddito, nè il reddito di cittadinanza ovvero il reddito di emergenza

Possono presentare domanda anche i giorvani iscritti all'ENPAV entro il mese di febbraio 2020, purchè non abbiano percepito, negli anni 2019 e 2020 redditi superiori ai 50.000 euro.

Viene eliminato il vincolo dell'iscrizione esclusiva alla Cassa.

Alleghiamo nota diramata dalla Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari (11185-15/05/2020-DGSAF-MDS-P) del Ministero della Salute con la quale, premessa l'enunciazione delle numerose attività di accudimento e cura degli animali riconducibili alla fondamentale esigenza di garantire la salute e il benessere degli stessi, si forniscono precisazioni utile affinché siano adottate misure omogenee all’interno del territorio italiano relative alla gestione delle attività che incidono sul benessere animale.

La nota individua 8 contesti, ed in particolare:

1. Attività ludico sportive: nel rispetto delle norme di distanziamento ed evitando gli assembramenti, deve essere consentita la movimentazione a terra o montati degli equini destinati all’attività ludico sportiva (ivi compresi quelli i cui proprietari e affidatari non rientrano nella definizione di atleti professionisti e non di cui all’art. 1, lett. g del DPCM 26/2020), come anche quelle attività ludico sportive che coinvolgono cani (ad esempio agility o sleddog),

2. Attività di organizzazioni per la promozione e la difesa degli animali: sono permesse “le attività delle organizzazioni per la promozione e la difesa degli animali rientranti sotto il Codice Ateco 94”. Gli spostamenti relativi alla cura degli animali rientrano nell’ambito della deroga relativa ai motivi di salute e pertanto sono permessi “gli spostamenti volti all'accudimento e alla cura degli animali, da parte del personale delle associazioni le cui attività statutarie ricomprendono anche la cura degli animali”.

3. Vendita al dettaglio di piccoli animali domestici: sono consentiti i movimenti connessi alla vendita al dettaglio di piccoli animali domestici (vedi Allegato 1 del DPCM del 26 aprile 2020).

4. Servizi per gli animali da compagnia: per quanto non espressamente dal DPCM innanzi declinato, le attività di toelettatura sono state autorizzate da molte Regioni (sempre nel rispetto delle norme di distanziamento sociale). Devono essere invece garantiti sia l'accudimento e la cura degli animali detenuti nei canili devono essere che il servizio di accalappiacani.

5. Allevamento di animali da compagnia (Codice Ateco 01.49): sono espressamente autorizzate - in quanto rientranti negli allegati del DPCM del 26 aprile 2020 - le attività di allevamenti professionali di animali da compagnia (e le attività connesse).

6. Allevamenti amatoriali di animali da compagnia e adozioni: nella nota si legge della opportunità di favorire le adozioni degli animali ospitati in canili/rifugi e negli allevamenti amatoriali: questo approccio è finalizzato all'intento di di garantire il benessere degli animali. Consentiti quindi gli ingressi nelle strutture così come i trasferimenti degli animali destinati ad una adozione che potrà, quest'ultima, realizzarsi solo in presenza di alcuni requisiti espressamente indicati nella nota ministeriale in commento.

7. Trasporto animali:sono autorizzati tutti i trasporti attinenti e connessi alle attività permesse dal DPCM del 26 aprile 2020, nonché tutte quelle motivate dalla necessità di tutelare la salute e il benessere animale”. La nota evidenzia che “rientrano tra le movimentazioni ammesse, anche a livello extra-regionale, quelle idonee a permettere il corretto svolgimento delle attività di allenamento degli atleti professionisti e non, di cui alla lettera g) dell’art. 1 del DPCM del 26 aprile 2020, nonché quelle relative allo svolgimento dell’attività di commercio all’ingrosso di animali vivi, rientranti sotto il Codice Ateco 46.23”.

8. Terapie assistite con gli animali: sono consentite le terapie assistite con gli animali (TAA), che richiedono apposita prescrizione medica. “Le TAA devono essere erogate da personale idoneo presso strutture o centri in possesso di nulla osta ed iscritti negli elenchi Regionali (o Digital Pet) e devono operare nel rispetto delle norme di sicurezza previste dal DPCM sopra citato. La nota precisa però che “queste attività devono essere vietate a soggetti, ivi compresi i conduttori e pazienti, sottoposti a provvedimenti sanitari per COVID-19 o con l’utilizzo di animali che provengano da nuclei dove sono stati sospettati o confermati casi della suddetta malattia, come riportato nella nota emanata dalla scrivente Direzione generale n. 9224 del 17 aprile 2020”.

Allegati:
Scarica questo file (Benessere13 ore2030.pdf)Benessere13 ore2030.pdf[ ]341 kB2020-05-15 13:30

L’Ospedale Veterinario Parma dott.Peressotti, ricerca Medici Veterinari abilitati all'esercizio della libera professione con diversi livelli di esperienza, dal medico Veterinario già esperto nella clinica dei piccoli animali, al medico Veterinario all’inizio della propria carriera interessato a poter programmare un loro eventuale inserimento lavorativo nella nostra struttura.

La figura  deve avere ottima capacità di lavorare in team e  l’attitudine nel relazionarsi con il cliente.

Si offre la possibilità di lavorare con medici veterinari con una esperienza dai 5 ai 27 anni e medici veterinari specialisti in diverse branche mediche e chirurgiche


Disponibili a qualsiasi ulteriore e approfondito chiarimento riguardante la presente formulazione della richiesta, ringraziamo anticipatamente per la preziosa Vostra collaborazione.

Un cordiale saluto  

per inviare una lettera di presentazione e o un curriculum, scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., per informazioni tel  3280551510

www.ospedaleveterinarioparma.it

A partire da domani 1 aprile sarà disponibile sul sito dell'ENPAV il modulo per richiedere l'indennità, pari ad €600,00 erogato a coloro che abbiano avuto un reddito nell’anno 2018 fino a 35.000 euro, nonché a coloro che avendo avuto un reddito compreso tra 35.000 euro e 50.000 euro, abbiano subito una contrazione del reddito del 33% nel primo trimestre 2020, rispetto al primo trimestre 2019.

A partire dal 30 marzo sono disponibili, sempre sul sito dell'Ente previdenziale i moduli per l'assistenza previdenziale una tantum per COVID-19 deliberati dal Consiglio di Amministrazione

Sono previsti:

  • 4000 Euro per chi è stato ricoverato per positività al Covid–19 in terapia intensiva
  • 2000 Euro per chi è stato ricoverato per positività al Covid–19, ma NON in terapia intensiva
  • 1000 per i liberi professionisti a cui siano stati prescritti l’isolamento domiciliare obbligatorio o la quarantena da Asl, Ats o ordinanza



La domanda deve essere presentata entro 180 giorni dall’evento.

Riceviamo la comunicazione dellaFederazione Nazionale per la gestione degli studi e sulla persistenza del virus sui materiali inerti.

          REGISTRATI